slideshow05.jpg

La benedizione dei bambini

Padre Joakim, un pastore protestante, ci attende nel suo villaggio di Tansgho, è mezzogiorno siamo in cinque ha preparato tre panche di legno sotto a un enorme mango in fiore davanti alla casa di campagna di suo fratello.
La casa è un rudere accanto ad un enorme albero secco e bruciacchiato, Hibrahim il fratello è un povero agricoltore che ci porta a vedere il suo orto poco distante! E’ dura togliersi dall’ombra scura del mango per andare nell’orto assolato e secco, c’è un po’ di verde qua e la: sono le cipolle che stanno crescendo bene, assieme ai pomodori, ma i peperoni sono tutti secchi ...l’acqua del pozzo è quasi finita e bisognava sacrificare qualcosa.
Con il secchio Hibrahim ci mostra che ormai viene su dal pozzo metà acqua e metà poltiglia ...solo con le piogge di maggio-giugno si ricaricherà.
Padre Joakim vorrebbe su questa terra di proprietà un orfanotrofio per i “suoi” 120 bambini ma non ci sono i fondi e per ora resta solo un sogno che propone, penso, ai cooperanti che riesce a incontrare e portare qua.

 

benedizione01

 

Poi attraversiamo un mercato “on the road” che si sgrana sulla pista con negozietti di legno e sacchi, che vendono carne in cottura, zampe e teste di ovini, vestiti cinesi coloratissimi, ciabatte nere; bar con vecchie targhe promettenti, curatori sana - tutto, e una coda di bimbi che ci insegue e diventa sempre più lunga: quindi padre Joakim ci fa entrare nella chiesa protestante del suo vecchio superiore dove ci aspettano trenta bambini che cantano e ballano “cose religione” con il catechista che percuote ritmicamente con le mani un tamburo quadrato sul quale siede.

 

benedizione02

 

Poi Joakim e la comunità, raccoltasi qui in gruppo per salutarci, pregano per noi e il nuovo 2012 e al momento della benedizione, in lingua morè (e un po’ in francese) ci chiede di abbassarci un po’ mentre tutti i bambini si alzano in piedi e con le mani sulle nostre teste ci benedicono intonando un canto.
“Questa – dice padre Joakim – è una benedizione forte che ci ricordano Abramo, Ismaele e Isacco!”
Non so di Bibbia, ma fuori dalla chiesa protestante, a 150 metri si erge una bianca moschea ismaelita, vicini ora come nella Genesi, penso!

 

A.M.

Joomla Plugin
sound byJbgmusic
Controlli audio

RSS Feed Progetti

Ricevi gli aggiornamenti RSS Feed sui progetti realizzati da Solidaid Socialcare

Progetti Solidaid

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information