slideshow02.jpg

Le bamboline

La prima cosa che mi colpisce percorrendo le strade di Ouaga è quella terra rossa che rende tutto monocolore: le strade aride e polverose si confondono con le abitazioni e i volti della gente del Burkina emergono a fatica da quel paesaggio a tratti addormentato. Ma arrivati all’ Orphelinat la vita finalmente esplode: i bambini ci vengono incontro sorridenti e ci avvolgono con le loro voci festose “ bonjor, bonjour, bonjour!“

L’Abbè, il prete protestante che si occupa da anni di questi orfani, ci accoglie con entusiamo: ci tiene molto a stringere la mano ad ognuno di noi e ad impartici le sue benedizioni; è il rito quotidiano, al quale è impossibile sottrarsi. Il suo orfantrofio dispone a malapena di qualche panca e banco di legno dove scrivere, un paio di lavagne appese su muri di fango essicato; eppure riesce a levare dalla strada piu’ di cento bambini.

Nel progetto educativo pedagogico messo a punto dai nostri psicologi, una parte è dedicata alla realizzazione di bamboline di stoffa, che rappresentano il passagio dall’ infanzia all’adolescenza, in aiuto alla formazione di un “io“ per questi bimbi orfani e spesso senza una identità chiara.

 

bamboline01

 

Ed oggi è il gran giorno: daremo vita a quelle decine di pezzetti di stoffa colorati portati dall’ Italia, da riempire e cucire.

Eveline e Micheline, due bimbe di 8 anni circa, mi circondano e fanno a gara per avere l’ovatta “madame, madame, coton, coton“ chiedono a gran voce, ma anche i piu’ piccoli con la manine tese aspettano di ricevere quella nuvola bianca, fino ad allora sconosciuta. In quattro e quattr’otto ci ritroviamo con mucchi di “arti” da assemblare.

Strano a dirsi, penso la sera, mentre tutto il gruppo si riunisce per mettere a punto il programma del giorno dopo e per cucire insieme i pezzi di stoffa: questo gioco così semplice, che mai sarebbe considerato da noi, è per loro, una vera scoperta, perchè tutto quello che gli trasmetti assume per essi una dimensione speciale.

E’ mattino, i bimbini sono ansiosi di riprendere possesso dei pupazzi “madame, madame, poupee, poupée” (signora, la bambola, la bambola)! Frank, che avrà sì e no 5 anni, non parla molto ma è vivacissimo e ci rincorre finchè non gli diamo un pupazzo da completare: vuole assolutamente partecipare al laboratorio. Mi ritrovo a parlare con Frederic et Therèse, due degli insegnanti presenti: non hanno mai fatto niente di simile in vita loro e a poco a poco capiscono l’importanza di creare, di stimolare i bimbi ad esprimersi con fantasia. Ridiamo insieme quando dagli zaini si materializzano le bamboline e tutti cominciano a disegnare occhi, naso bocca e si divertono ad incollare capelli multicolori.

 

bamboline02

 

Zadhia che ha solo 4 anni e due occhi che ti bucano l’anima, mi tira con insistenza dalla sua parte: rivendica che i capelli della sua bambola siano neri. Non mi resta che incollare la lana nera sopra a quella colorata. Le bimbe si legano le bamboline dietro la schiena, come fanno le donne quaggiù e anche i maschietti girano orgogliosi mostrando la loro creazione.

Non penso di riuscire a rispondere veramente a chi mi chiede come sia andata in Africa: è troppo ingiusto quello che vedo, troppo intenso quello che vivo.

 

F.M.

Joomla Plugin
sound byJbgmusic
Controlli audio

RSS Feed Progetti

Ricevi gli aggiornamenti RSS Feed sui progetti realizzati da Solidaid Socialcare

Progetti Solidaid

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information