slideshow06.jpg

Lo zebù energetico

La casa di campagna è recintata da un muro quadrato color sabbia. Accanto alla casa, dove vive la mamma del prete burkina, vi è una tettoia di frasche di palma e per terra paglia nella quale sta solennemente disteso uno zebù con sul dorso la sua gobba di grasso, bella dritta, segno che mangia.

Davanti alla casa poi due giovani donne stanno ciascuna lavorando a un telaio con la schiena addossata al muro e il rispettivo mazzo di fili coloratissimi che in tensione vanno a finire a 12 metri di distanza quasi vicino allo zebù, per terra, fermati da questo lato da una grossa pietra. Stanno tessendo stuoie!

 

zebu1

 

Vi sono anche tre eucalipti dentro il recinto, che rinfrescano un po’ l’aria secca e infuocata di questa campagna attorno a Pouytenga.

Poi noto che un muro interno divide quasi in due ambienti, a cielo aperto, la recinzione esterna così che, oltre lo zebù, ci sono altri due piccoli locali: uno è una cucina-lavanderia, l’altro una grande stanza-magazzino. La sensazione che ho avuto e che continua è che lo zebù sia molto importante per questa casa.

Il prete lo capisce e mi accompagna all’esterno del muro di recinzione mostrandomi un manufatto così composto: un pozzetto di cemento circolare alto un metro con in fondo un buco che finisce in una piccola cisterna più in basso di cui si vede la cupola in cemento e dalla cui cima esce un bel tubo blu che rientra nel recinto della casa da un foro nel muro di cinta.

 

zebu2

 

È un impianto "moderno" di biogas che funziona così: ogni sera tutta la cacca dello zebù è raccolta e messa nel pozzetto, dal quale lentamente scende nel silos e qui fermentando produce gas-metano che risale nel tubo con un po’ di pressione e corre ad alimentare i due grossi fornelli della cucina-lavanderia, una lampada dello stanzone e un’altra nella casa grande.

Chiunque ha uno zebù - mi dice il "don" – e in campagna non è raro averne uno, ha risorse di: latte, tiro d’aratro, gas per cucina e luce, fertilizzante per l’orto (lo sterco inerte dopo che ha prodotto gas diventa concime) e un giorno, carne e cuoio; inoltre questo bovino africano che resiste bene ai climi torridi e secchi, si ammala assai raramente. Insomma è un "pozzo di energia" a basso costo!

 

W. V.

Joomla Plugin
sound byJbgmusic
Controlli audio

RSS Feed Progetti

Ricevi gli aggiornamenti RSS Feed sui progetti realizzati da Solidaid Socialcare

Progetti Solidaid

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information