slideshow01.jpg

01/2012 Una farmacista in Burkina Faso

Il lavoro è iniziato un paio di mesi prima della partenza con la raccolta di farmaci e materiale medico che, un dispensario, un orfanotrofio ed un centro medico ci avevano richiesto. Prima di partire ho raccolto farmaci da amici, conoscenti e donatori anonimi e denaro con i quali, aggiungendoli al fondo di Solidaid, ne abbiamo comprati altri. Per portarli tutti ho eliminato le scatole e ho conservato solo i foglietti illustrativi.

Dispensario di Donsin (40 Km a nord della capitale nella brousse)

Il Dispensario è al servizio di una popolazione di 10.000 persone che vedono in esso il centro medico di “prima-accoglienza”. Ho ordinato il dispensario di Donsin sul modello di una vera farmacia occidentale, tutto in ordine alfabetico e di scadenza e con l’aiuto di Francesca, che ha tradotto in francese, ho lasciato indicazioni e posologia dei farmaci nuovi portati, oltre a istruzioni essenziali per tutti i medicinali: consegnarli in ordine di scadenza. E’ interessante la differenza nella distribuzione dei principi attivi: mentre da noi abbondano per esempio i farmaci per i disturbi cardiocircolatori, in Burkina ci’è una prevalenza di antibiotici. E’ come nei paesi occidentali prima dell’avvento degli antibatterici: le infezioni sembrano essere il problema principale. Al dispensario c’è una responsabile per la consegna dei farmaci ai pazienti, che arrivano da lei con una “prescrizione”.

farmacista01

Orfanotrofio di Sissin (periferia sud della capitale)

Ho sistemato in una giornata opportunamente dedicata, una piccola farmacia a disposizione degli ospiti fissi e giornalieri dell’orfanotrofio di Sissin (periferia povera a sud della capitale Ougadougou). Questo orfanotrofio, che accoglie ogni giorno circa 150 bambini da 6 a 15 anni (30 dei quali orfani totali, cioè di padre e di madre) e i restanti orfani o di padre o di madre che la sera rientrano presso la povera abitazione di un parente che vive nei dintorni. All’orfanotrofio, non essendoci una figura professionalmente preparata in farmacologia ma il responsabile, un sacerdote di fede protestante, conosce alcuni usi circa i medicinali. Là quindi mi sono limitata a consegnare farmaci per automedicazione, come paracetamolo (Tachipirina) e pomate all’idrocortisone per le punture d’insetto.

farmacista02

Centro Medico di S. Camillo di Koupela

Abbiamo consegnato medicinali e materiale medico (al personale altamente specializzato).

farmacista03

Joomla Plugin

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information