slideshow02.jpg

01/2013 Orfanotrofio

Intervento prosso un orfanotrofio periferico di Ouagadougou 2012/2013

Partita con tante idee in testa e un pò di preoccupazione eccomi qui. Dopo i primi giorni passati a servizio in comunita'S.M.G. e nell'attesa dell'impegno previsto finalmente eccomi all'orfanatrofio di "Saint Therese d.L.", una bella struttura dove sono ospitati una sessantina di bambini e ragazzi di età da 1 a 17 anni.

Nei prossimi giorni starò con i bimbi molto piccoli, sotto i tre anni di età, e darò una mano dove serve e sarò compagna di giochi dei bimbi.
Non ci vuole molto a scoprire che se la cavano bene anche senza di me quanto ad autonomia e senso pratico; faccio quindi un po' di fatica ad inserirmi e a conquistarmi la fiducia dei bambini.

Ma basta prendere in braccio Bertrand per sciogliermi e ritrovare la naturalezza di mamma che ho quasi dimenticato. Ed ora, ora che sono a casa mia nel mio paese così diverso dal Burkina, cosa mi è rimasto? Cosa ho lasciato , cosa ho portato a casa?
E' sicuramente di più quello che ho ricevuto di quello che ho dato.

2013-orfanotrofio-01

Ho appreso che l'essere orfano e' piu' una condizione dello spirito che non una condizione sociale
(almeno io l'ho cosi' percepita qui), ho preso tanti sorrisi, tanti visi incuriositi, tanti momenti che rimarranno sempre nei miei ricordi...... i bimbi nascosti sotto il letto pronti a schizzar fuori per farsi rincorrere, i bimbi seri seri seduti intorno a Georgette in attesa dell'arancia o dei biscotti, il piccolo Bertrand che ha iniziato a camminare quando ero lì..... la piccola Giselle con i suoi piedini girati all'infuori, la piccola Samira tranto troppo seria, la responsabile e carismatica Pasqualine, che si faceva ubbidire a suon di sguardi, e poi Augustin....... il nostro "pecola", e Eva ballerina, e Medale piccolo e serio e Rosette e perchè no anche Adamà più grande ma tanto cara e Pascal e Dijou e tutti gli altri di cui non so i nomi. Addirittura in alcuni momenti avevo la sensazione che fossero loro a "guidare" me e non viceversa e con grande serieta'.

Piccole donne e uomini futuri di questa terra d'Africa che volevo aiutare ma che ha aiutato me. Mi ha aiutato e mi aiuta a ricordare che la maggior parte del mondo vive con molto, molto meno di quello che noi in questa parte del mondo abbiamo.
Non lo voglio dimenticare, voglio vedere il mondo anche con occhi diversi dai miei e spero che un giorno tutti i Bertrand, i Medale , i Giselle e tutti i bimbi del mondo possano essere felici di essere nati dove il destino li ha fatti nascere.
A.F.Z.

Intervento prosso un orfanotrofio periferico di Ouagadougou 2012/2013

Joomla Plugin

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information