slideshow04.jpg

01/2013 Progetto “SARTORIA” nella brousse

E’ maggio 2012 quando un giorno parlando di Solidaid con il suo Presidente, delle cose da fare e quelle di cui c’è più bisogno, viene fuori che a Sourgoubilà, 30 km nord-ovest di Ouaga’ in piena brousse (in una missione precedente) ha visto accatastate una serie di macchine da cucire, forse un po’ datate, e….ecco la prima domanda “ma tu sai cucire?” …si ho una età dove da bambina mi hanno insegnato e la mia mamma è sarta.

Mi piace l’idea e più ci penso e più mi piace, così come mi era piaciuto il progetto di una cooperativa di donne (in un villaggio vicino l’anno precedente) per la lavorazione del burro di karitè. Donne che con il loro lavoro avrebbero migliorato la vita della propria famiglia.

sartoria2013-01

Sono entusiasta di questa cosa e così vado a scuola a rinfrescare e migliorare la mia conoscenza di cucito così come provo a migliorare il mio francese…

Ed ecco dicembre è ora di andare, cosa so fare? …mi pare nulla! Arrivo a destino e l’impatto emotivo , dopo un primo incontro con alcune donne di qui è come essere a casa.

Dopo due giorni mi trasferisco al villaggio e qui trovo un edificio (da noi potrebbe essere un magazzino) con 10/12 macchine da cucire “vecchie” , una decina di ragazze e la loro insegnante Marie. Il mio francese non è dei migliori ma loro sono fantastiche e mi accolgono con un calore ed un affetto che non sentivo da tempo. La prima cosa è capire quante macchine sono funzionanti e se (con i materiali che mi sono portata) posso farle ripartire. Da qui in avanti le mie giornate sono in questo laboratorio con le ragazze e le visite, per i saluti giornalieri, del capo villaggio, degli uomini, delle donne della comunità e dei bambini.

sartoria2013-02

Dieci macchine funzionanti e le ragazze/ragazzi (ci sono anche due maschietti che vogliono imparare a cucire) sono circa 8/10 …non tutti i giorni ci sono le stesse persone , al mattino alcune delle ragazze vanno a scuola e vengono solo nel pomeriggio, hanno età diverse dai 10 ai 17/18 anni, una ha già un bambino che si porta legato alla schiena e che poi sistema su una stuoia in fondo alla “sartoria” intanto che impara il punto erba, a fare un orlo, un sottopunto, un fiore a punto pieno, a fare una cucitura a macchina e tagliare un pantaloncino e una giacchetta per il suo bambino. (..perchè non mi sono portata delle stoffe? …a loro manca tutto).

Con Marie, intanto che le ragazze di esercitano, guardiamo il libro che mi sono portata e le piace una giacca così le prendo le misure e facciamo il cartamodello e proviamo la sua giacca di carta (… la giacca rimane sulla carta perché non c’è la stoffa per farla io sono dispiaciuta ma Marie mi ringrazia mille volte).

Il tempo passa in fretta quando stai bene e ti senti a tuo agio, è ora di tornare a casa……

sartoria2013-03

Lascio a loro un regalo per aver diligentemente seguito tutto il corso di cucito e per la loro voglia di imparare e farne un mestiere per il loro futuro, un kit di strumenti per fare sartoria;….ma il regalo più grande l’ho avuto io per essere stata accolta come una donna del loro villaggio.

Mi porto a casa tutto questo e ….non so ancora come potrò fare, ma cercherò un modo, per far si che abbiamo il necessario per far partire la loro “sartoria” per avere un lavoro.

Mancano poche cose: …. aghi, filo, gessetti, forbici, metri ecc. sono cose che abbiamo portato ma basteranno per un breve lasso di tempo, a Marie piacerebbe una macchina più recente che, come dice lei, faccia piu’ cuciture (zigzag – ricami – asole) stoffe e modelli nuovi da proporre, loro hanno tutto il resto, la voglia di fare! Mi dice il Presidente che dopo questa esperienza positiva, fara’ il possibile per fare di questo gruppo di dodici donne una cooperativa di lavoro e vendita vera e propria, riconosciuta dallo Stato.

 

M.P.A.

(offerto da Carla Lamotte)

Joomla Plugin

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information