slideshow05.jpg

Swaziland

Le macchie del leopardo

Un tempo molto lontano, all'inizio della vita sulla terra, il leopardo non aveva nessuna macchia. Ed anche altri animali erano un po' diversi, come la zebra, che non aveva le righe nere ed anche il porcospino aveva molte più spine di quante ne ha ora, tanto che sembrava una sola palla di lunghi aculei!
Ma come accade tra gli uomini, anche gli animali bisticciano tra loro, così fu che il leopardo quando incontrava la "palla di spine" cominciava a farla rotolare con forti zampate, giorno e notte, divertendosi molto a farla saltare da un posto all'altro e giù per le colline, tanto che al porcospino veniva un gran male di testa da non poter nemmeno andare a cercare il cibo e rischiava di morir di fame.
Per non dire che ormai nella foresta tutti lo prendevano in giro e quando capitava che il leopardo fosse stanco, iniziavano a farlo rotolare il leone, la jena e finanche le sciocche scimmie!
Il furbo e intelligente coniglio ebbe un dì pietà del povero porcospino e gli disse:
"Senti, cara palla di spine, bisogna che tu ti dia un po' di coraggio e riprenda la tua dignità, in più, anche noi, piccoli animali, diventeremo ridicoli e cominceranno a sbeffeggiarci dopo di te! Suvvia, fatti forza e combatti il leopardo!"
"Ma se tiro fuori il naso, ribattè il porcospino, Leo me lo mangia di colpo!"
"Ti dirò io come fare" fece il coniglio, "tu, ogni giorno che esci dalla tana e fino a sera, ripeti sempre: forza e coraggio, forza e coraggio, forza e coraggio e quando avrai forza e coraggio, torna da me!"
Ed avvenne che il porcospino, anche quando rotolava, sotto le zampate di Leopardo, ripeteva: "forza e coraggio, forza e coraggio......" e davvero la paura sparì!
Cosicché il coniglio preparò una lotta tra il leopardo e il porcospino di fronte a tutti gli animali. Arbitro della importante battaglia fu nominata la zebra che, avendo buone zampe poteva correre dietro ai due lottatori supponendo che Leopardo avrebbe fatto rotolare ovunque Porcospino!
Ma Coniglio aveva istruito bene Istrice, dicendogli di cercare di colpire, con i suoi lunghi e duri aculei, solo gli occhi di Leopardo e null'altro!
Porcospino così fece e ripetendo a gran voce "forza e coraggio, forza e coraggio" e balzando su e giù, su e giù, cascava sempre dritto sul muso di Leopardo che, per proteggersi gli occhi si spostava ora di qua ora di là, sì che gli aculei del porcospino si piantavano un po' ovunque sulla sua pelle e lì restavano attaccati!
Questa strana lotta, con l'istrice che saltava su e poi ricadeva addosso al leopardo, durò 7 giorni e solo alla sera Zebra sospendeva il combattimento, con il leopardo che di notte si toglieva di dosso le dolorose spine dell'istrice e facendo uscire qualche macchiolina di sangue sul suo bel manto, mentre l'istrice ogni giorno diventava sempre più pelato, senza riuscire a colpire gli occhi del leopardo!
All'ottavo giorno, quando gli animali della foresta si erano stufati, con Leopardo che non riusciva a vincere e Porcospino che era tutto un salto su e giù, Zebra dichiarò finita la battaglia, con nessun vincitore!
In verità dopo quei sette giorni di lotta qualcosa cambiò: Leopardo perse la sua pelle chiara che divenne tutta macchiata per le gocce di sangue che erano uscite togliendo le spine conficcategli addosso dall'istrice, il porcospino aveva perduto la metà dei suoi aculei e da allora, per timore di essere mangiato, usciva a cercare cibo solo di notte..... e anche alla zebra, che anziché correre per seguire la lotta, era rimasta ferma sette giorni sotto il sole cocente, riparandosi solo dietro ai rami secchi di un alberello, erano rimasti addosso i segni chiari dell'ombra dei rami e annerita la pelle colpita dal sole così che il suo manto divenne a strisce chiare e scure.
Da allora però, mai più è successo che il leopardo abbia preso in giro il porcospino tanto che, quando lo incontra, subito si protegge gli occhi!

swaziland01

The Leopard's patches

A long time ago, at the beginning of life on earth, leopards had no patches on their skin. Other animals also looked a little different, like zebras, they didn't have any black stripes and porcu-pines had much more thorns than now, so many that they looked like balls full of thorns!

But as sometimes happens for men, also animals sometime fight to each other, so happened to the leopard ,every time he met the "ball of thorns" , he kicked it hard to make it roll; he played this way day and night, having a lot of fun making it jump everywhere and roll down the hills, but this gave to the porcupine a terrible headache, so strong that he couldn't go searching for food any more and was near to starve to death.

Not to say that also every other animal in the forest made a fool of the porcupine, so much that when the leopard was tired of kicking the porcupine, the lion took his place, then the hyena and also the stupid monkeys!

One day happened that the smart and intelligent rabbit had piety of the poor porcupine and told him:
"listen to me, dear "ball of thorns", it's time you find some bravery and regain some dignity; also because now, because of you, many other animals are starting to have fun with all the small animals of the forest! It's time to be brave and fight the leopard!"

"but if I show just only the nose, said the porcupine, Leo will eat it in one single bite!"

"I'll teach you how to do it, said the rabbit, every day from the moment that you get out of your den and until night, you must repeat to yourself: force and courage, force and courage, force and courage and when you will finally have force and courage, come back to me."

And so it happened that, even rolling under the strong kick of Leo the leopard kept thinking: "force and courage, force and courage..." and the fear went away!

Therefore the rabbit planned a fight between the leopard and the porcupine in front of all the animals. Arbiter of this important event had been nominated the zebra because, thanks to her long legs, she was supposed to be able to run where the two fighters were going to go, supposing that Leopard would have made roll Porcupine everywhere.

Rabbit had instructed well Porcupine, telling him to strike with his strong spine only the eyes of Leopard.

And so did Porcupine , keep telling himself "force and courage, force and courage" and jumping up and down he was aimed always to Leopard's face so that Leopard to protect his eyes had to jump here and there so that the spine of Porcupine plunged in the body of Leopard everywhere and there they stayed jammed!

This strange fight, in which the porcupine was jumping hitting the leopard, went on for 7 days; only at night Zebra stopped the fight, at night the leopard kept taking off the painful spine from his body leaving some tracks of blood on his nice fur, while every day the Porcupine became more bald without being good to hit the eyes of the leopard
The eighth day, every animal was tired of this game , the Leopard was not able to win and the porcupine was all a jump up and down, so Zebra said that the game was over with no winner and no looser!

To tell the truth something in those 7 days has changed: Leopard loosened his nice bright skin that now looked all full of spot for all the drops of blood that came out taking off all the thorns of the porcupine; the porcupine loosened half his thorns and from that day on, scared to be eaten, came out to look for food only during the night time... And also to the zebra, that instead of fol-lowing the fight, had spent four days standing all the time under the hot sun, finding a bit of sha-dow under the dry branches of a small tree, had changed aspect: the bright lines of the shadow of the branches remained on her fur and the skin because of the sun, had darkened so much that her fur was covered with black and white stripes.

Ever since, the leopard never made a foul of the porcupine anymore and when he meet him, immediately protected his eyes!

 

Joomla Plugin
contentmap_plugin

RSS Feed Progetti

Ricevi gli aggiornamenti RSS Feed sui progetti realizzati da Solidaid Socialcare

Progetti Solidaid

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information